Too big to fail, too interconnected to fail

Il 24 luglio scorso il Wall Street Journal ci sollecitava ad un’amara riflessione.

Fino alla crisi del 2008 eravamo  sicuri del fatto che un’azienda, seppur grande, se gestita male sarebbe potuta fallire. Certo avevamo dubbi ed incertezze dati dai molteplici salvataggi di aziende come FIAT o come gli Istituti bancari, ma, considerandole eccezioni, la regola restava ferrea.

Dopo il 2008 abbiamo iniziato a sentire il refrain “too big to fail”, aziende, per lo più di servizi finanziari, troppo grandi per fallire. L’intervento statale, dagli USA fino in Italia, era necessario per salvare Gruppi industrali che se falliti avrebbero coinvolto gran parte del tessuto economico nazionale, comportando così una reazione a catena dagli esiti disastrosi per il bilancio del Paese ed i lavoratori.

Ebbene, a 12 anni di distanza, scopriamo che ci sono aziende, nenache necessariamente tanto grandi, ma il cui fallimento, formale o sostanziale, è impossibile. Un lusso che uno Stato non può permettersi.

Si tratta di aziende che offrono servizi finanziari ma anche di telecomunicazioni o infrastrutture digitali, le cui difficoltà economiche potrebbero comportare un blocco reale dell’intera nazione ed in alcuni casi, di grandi aree intercontinentali. Pensiamo cosa potrebbe accadere se negli USA fallissero At&T o Comcast, o in Italia Telecom.

Già un semplice attacco informatico sappiamo che può generare conseguenze negative per giorni alla nostra quotidianità, immaginiamo se ad un certo punto, aziende che forniscono le reti per usufruire di internet o delle linee telefoniche si bloccassero: si metterebbe la parola fine a tutte le transazioni on line, ai pagamenti telematici, alla possibilità di godere di contenuti digitali (Netflix, TimVision, etc.) ed in alcuni casi, non potremmo nemmeno avviare l’automobile!

In tempi di pandemia, abbiamo apprezzato e goduto dei vantaggi di questo mondo interconnesso, lo smart working ci ha consentito di stare a casa e continuare a lavorare; l’isolamento ci ha incollato davanti alle televisioni a vedere film e serie tv; l’obbligo di distanziamento ci ha abituati a videochiamare i nostri parenti ed iniziare ad effettuare conference call anche con i clienti più restii.

Boom! Buco Nero!

Impossibile anche solo da immaginare.

Siamo d’accordo allora, salveremo sempre tutte le aziende che ci garantiscono tutto ciò: sia loro che noi siamo troppo interconnesi per fallire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *